by luca.pascucci/ maggio 19. 2017/ 0 Comments/ Curiosità

Cerimonia rigorosamente laica, secondo la convinzione e la volontà dell’autore e regista toscano, breve e all’insegna della leggerezza. Sul palco infatti, davanti al feretro, una versione del quadro “Ritratto di giovane donna” del pittore Rogier van der Weyden riveduta e corretta con la faccia di Boncompagni. Come sottofondo classici della musica rock e pop anni ’60.

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *