BRUCE LEE, FERETRO PORTATO DAI COLLEGHI

by F. Terenzi / ottobre 15. 2018

A portare la bara dell’attore e artista marziale nella cerimonia tenuta a Seattle furono il fratello Robert e i colleghi Steve McQueen, James Coburn, Chuck Norris, Dan Inosanto, Taky Kimura e Peter Chin. Le sue spoglie giacciono nel lotto 276 del Lake View Cemetery, accanto a quelle del figlio Brandon. La sua lapide è di colore amaranto, mentre quella del figlio è più scura.

LA SIMPATIA DI VITTORIO GASSMAN

by F. Terenzi / ottobre 14. 2018

Tra i personaggi che hanno fatto la storia del teatro, del cinema e della televisione italiani. Forse non tutti sanno, però, che la frase che campeggia sulla sua tomba è uno degli epitaffi più divertenti e famosi di sempre: «Non fu mai impallato», dal termine “impallare” che nel gergo televisivo vuol dire coprire, oscurare.

GLENN FREY, IL TRIBUTO DEGLI AMICI

by F. Terenzi / ottobre 13. 2018

Il padre di “Hotel California” ha lasciato familiari e fan all’età di 67 anni. Con un servizio commemorativo privato, amici e colleghi di lunga data gli hanno reso omaggio eseguendo la sua canzone “Peaceful Easy Feeling” insieme con uno dei suoi figli, Deacon Frey. Il corpo del co-fondatore degli “Eagles” è stato cremato e le sue ceneri sono custodite dalla famiglia.

FUNERALE AMERICANO PER TOMAS MILIAN

by F. Terenzi / ottobre 12. 2018

I funerali dell’attore spesso identificato con il personaggio di “er Monnezza” si sono svolti in forma strettamente riservata. In un’intervista aveva detto che avrebbe voluto farsi seppellire a Roma, al cimitero del Verano, vicino al suo amico Bombolo, invece le sue spoglie sono state cremate a Miami e le sue ceneri riposano a New York, vicino a quelle della moglie.

MONACI BUDDISTI PER CHARLES BUKOWSKI

by F. Terenzi / ottobre 11. 2018

«Voglio essere sepolto vicino all’ippodromo per sentire la volata sulla dirittura d’arrivo». È una delle più celebri citazioni dello scrittore e poeta americano. I funerali furono officiati da monaci buddisti su indicazione della moglie. La sua lapide recita: “Henry Charles Bukowski – Hank – Don’t Try – 1920 – 1994”, e sotto appare l’incisione raffigurante un pugile.

FIORI BIANCHI PER CARLO BENETTON

by F. Terenzi / ottobre 10. 2018

Cerimonia sobria con una distesa di fiori bianchi a coprire la bara di legno chiaro, e i ragazzi della Benetton rugby a portare a spalla il feretro. Alle esequie del più giovane dei fratelli Benetton, presenti centinaia di persone e tantissimi rappresentanti delle istituzioni. L’imprenditore è stato cremato e le sue ceneri riposano nella cappella di famiglia, a Ponzano (TV).

LA PREGHIERA DI AL CAPONE

by F. Terenzi / ottobre 9. 2018

«Pietà, mio Gesù» è la scritta che campeggia sulla lapide del simbolo del gangsterismo americano. Tra i più famosi mafiosi della storia, ha rappresentato, coi suoi crimini, la crisi della legalità durante gli anni del Proibizionismo e forse, l’iscrizione sulla tomba, è il suo ultimo tentativo per chieder perdono a Dio dei suoi misfatti. È sepolto a Chicago nel Mount Carmel Cemetery.

SPORT IN LUTTO PER ALDO BISCARDI

by F. Terenzi / ottobre 8. 2018

I funerali dell’ideatore del “Processo del lunedì” sono stati celebrati a Roma, nel quartiere Balduina alla presenza di parenti, amici e colleghi. Fuori dal portone della chiesa è stato appeso un cartello bianco: «Lo sport è in lutto, Aldo si è spento». È sepolto a Larino, in provincia di Campobasso, la cittadina dove il giornalista e conduttore tv era nato nel 1930.

L’IRONIA DI JEAN-MARC REISER

by F. Terenzi / ottobre 7. 2018

Fumettista francese dall’ironia devastante che colpiva ogni forma di conformismo sociale: religione, femminismo, maschilismo, linguaggio stereotipato della politica, animalismo, ambientalismo, televisione e pubblicità. Scomparso all’età di soli 42 anni, sulla lapide ha fatto incidere: «Non sarò mai un vecchio rimbambito».

ANTOINE RIVAROLI, ISCRIZIONE DIVERTENTE

by F. Terenzi / ottobre 6. 2018

Di origini italiane, fu un esperto linguista, saggista, scrittore e giornalista, oltre che brillante polemista del XVIII secolo. Un uomo di gusto, mai pedante e serioso, a cui non mancava certo l’ironia. Prova ne è la frase che volle far incidere come epitaffio sulla sua tomba: «Qui giace Antoine, conte di Rivarol. La pigrizia ce lo aveva rapito ancor prima della morte».